Menu
UN GIARDINO PER L’ANIMA

UN GIARDINO PER L’ANIMA

Intervista a Lorenzo Bar, che ha creato il giardino dell’Agriturismo Marcarini
«Uno spazio accogliente, vivo, carico di significati a cui dare ascolto»

Un giardino non è qualcosa di dato per sempre, non è un edificio, ma un essere vivo, che muta con il tempo e le stagioni. In ogni periodo dell’anno, ha una sua intima bellezza, un’anima che il progettista deve cogliere e restituire sotto forma di relazione con le persone che, in quel giardino, si immergeranno. Anche in autunno o in inverno, un giardino è bellissimo». 

Parola di Lorenzo Bar, paesaggista, geometra, topografo, direttore dell’Associazione Italiana Bambù. Ma anche sensibilizzatore ambientale attraverso il suo progetto Terra di Langa: agriturismo, fattoria didattica, laboratorio di bioarchitettura e … spazio per l’anima. Per Lorenzo Bar «l’architettura non deve occupare lo spazio, ma crearlo». Creare un legame profondo con chi lo abita, lasciando un messaggio che libera le emozioni, non le costringe. 

Lorenzo Bar è il progettista a cui l’Agriturismo Marcarini ha affidato la realizzazione del proprio giardino. Uno spazio che poteva sembrare residuale, essendo collocato dietro la struttura, ma che l’opera di Bar ha riportato in vita attraverso un’attenzione al dettaglio e, soprattutto, alla dimensione spirituale dell’accoglienza. 

Facciamo un passo indietro: chi è Lorenzo Bar? 

Sono sempre stato una persona eclettica, un cittadino del mondo. Dopo il diploma da geometra ho fatto mille lavori per pagarmi gli studi: muratore, piastrellista, lattoniere, cantierista. La mia vera passione erano però la topografia e le piante. Oggi mi definisco un «paesaggista delle relazioni»: ho viaggiato in tutto il mondo per osservare giardini e parchi e cogliere il messaggio che sanno lanciare. 

Quale messaggio? 

Che tutto, intorno a noi, è vivo e vitale. Che la natura parla e noi possiamo parlarle. Le faccio un esempio. Quando ho creato i Giardini dell'Anima in occasione della manifestazione nazionale Garden Festival del 1997, volevo che i visitatori avessero un ruolo attivo. Lasciai loro la possibilità di scrivere i propri pensieri dopo essere stati nel giardino. Il primo che ricevetti fu straziante, diceva «Ti prego, fammi guarire». Avevo creato una relazione. 

Come ha lavorato sul giardino dell’Agriturismo Marcarini? 

Innanzitutto sull’armonia e sul rapporto aureo. È su questi cardini che imposto tutto il mio lavoro: la sezione aurea, antica di tre millenni, è la cifra con cui la natura disegna il reale. La mia opera non è soltanto teorica: ho prestato molta attenzione al contesto. Ho recuperato la pietra di langa che, nei dintorni dell’Agriturismo, affiora da alcune spaccature. Nella posa della pietra, ho riprodotto un andamento spontaneo, non artificiale, perché assomigliasse a una giacitura naturale, quasi un taglio nella terra che svela l’antico fondale marino che ha dato origine alle Langhe. Una grande pietra del posto è stata posata perché è emergesse dal pavimento in legno che accoglie la jacuzzi: come se lo spazio architettonico fosse stato modellato intorno natura e non dal volere dell’uomo. La disposizione di altre pietre invece, ricorda gli antichi muri dei vecchi cascinali, con nicchie e rientranze, segno che da secoli l’uomo abita e coltiva questi luoghi. Ho anche lavorato sul “contributo emozionale” che il giardino dell’Agriturismo Marcarini sa regalare. 

La pietra di langa attorno a cui è stata costrita la pavimentazione in legno
 

In che modo? 

Ho disposto gli elementi del giardino come a simulare un abbraccio. Non solo in larghezza, ma anche in altezza. Come a dire: la natura in questo luogo ti viene incontro e ti accoglie nel suo grembo. Ho lottato anche perché fosse preservata una grotta naturale, che oggi è uno dei “pezzi forti del giardino” e uno dei suoi angoli più incantevoli. 

Che cosa ha voluto comunicare con il giardino dell’Agriturismo Marcarini? 

Credo che si possa parlare di connessione empatica. Le persone che visiteranno e frequenteranno il giardino, coglieranno la gentilezza, l’accoglienza, la solare e schietta ospitalità che la famiglia Marcarini e Chiara Marchetti, che gestisce la struttura, sanno donare ai propri ospiti.

 

Facebook Twitter Google+ Pinterest

Lascia un commento

Marcarini - Azienda Agricola
Marcarini - Agriturismo
Marcarini - Wine Shop
Piazza Martiri, 2
La Morra (CN) Italia
Tel +39 0173 50222
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Località Tinella, 19
Neviglie (CN) Italia
Tel +39 0173 630004
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Via Umberto I, 34
La Morra (CN) Italia
Tel. +39 0173 50222
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
×